Home
 Gran Sasso
 Le vostre foto
 Mailing list

 Come fare...

 

I Pantani

 
     
 

Info | Come arrivare | Amatrice | Vegetazione | Geologia | Escursioni | Bibliografia

© 2003-2017
 

 

 
 

 ::. Monti della Laga | Escursioni | I Pantani di Accumoli

info@lagagransasso.it
 

 

 
 


::. Difficoltà: E (media difficoltà)
::. Dislivello +/- 900 mt
::. Sviluppo +/- 15 Km
::. Durata +/- 1 giornata
-> Mappa
-> Google map
-> Filmato
-> Traccia GPS
 

 
 

 

 
 


"Situato a quasi 900 metri sul livello del mare, Accumoli ha una posizione centrale nell'ampio e maestoso anfiteatro naturale costituito dai Monti Sibillini a Ovest e i Monti della Laga a Est.

Tutt'intorno, tra gli ampi pascoli, le piccole aree destinate a coltivi e i folti boschi spontanei arricchiti dall'uomo, si distribuiscono a diversa altezza una ventina di nuclei minori, alcuni oltre i 1000 metri. Immersi in un ambiente naturale ancora intatto, essi formano con Accumoli il comune più settentrionale della provincia di Rieti ..." (Cfr. biblio 10).

Il “Piano dei Pantani” di Accumoli costituisce un’area (v. foto) di circa 80 ha a quasi 1600 mt di altitudine a confine tra Lazio, Umbria e Marche. L’area è stata dichiarata Sito di Importanza Comunitaria (SIC) della Rete Natura 2000, il sistema europeo coordinato di aree che devono essere tutelate e conservate dagli stati membri dell’Unione.

"Il Santuario Mariano della Madonna delle Coste si trova poco sopra l’abitato di Accumoli e gode della particolare situazione di essere duplice meta di pellegrinaggio: da parte degli accumolesi a Pentecoste (cinquanta giorni dopo Pasqua) e da parte degli abitanti di Capodacqua di Arquata il 19 settembre.

Il luogo di devozione è di probabile origine eremitica (XII-XIII sec.) e vi si venerava un’antica Immagine mariana. La tavola, della fine del secolo XVI e attualmente conservata in Municipio (v. foto), è composta da due sportelli laterali con dipinte le Storie della vita di Maria e da una parte centrale con la Madonna che allatta il Bambino, con la testa di Maria che costituisce il frammento della tavola originariamente dipinta da un maestro abruzzese della fine del secolo XIII segnalato dall'illustre storico d'arte Federico Zeri.

La chiesa ha forma rettangolare con tetto a capanna e volte all’interno ed è costruita con pietra arenaria. Fu ristrutturata nel '600 dal giureconsulto Cinzio Camerari, come attesta una lapide all'interno." (CAI - Ascoli Piceno)

La chiesetta della Madonna delle Coste (1026 mt), rappresenta la base di partenza per questa escursione.

L'itinerario più breve segue il Sentiero Italia (SI), ampio e comodo, che risale  fino ai laghetti. La traccia GPS, visualizzata nella mappa, invece descrive un anello che conduce prima ai laghetti, poi risale al panoramico Monte dei Signori (1781 mt) ed infine, seguendo il SI in discesa, riporta alla chiesetta.

A Voi la scelta ...
 

 
     top