Home
 Gran Sasso
 Le vostre foto
 Mailing list

 Come fare...

 

Monte di Mezzo

 
     
 

Info | Come arrivare | Amatrice | Vegetazione | Geologia | Escursioni | Bibliografia

© 2003-2017
 

 

 
 

 ::. Monti della Laga | Escursioni | Monte di Mezzo (2155 mt) dal Fosso Casale

info@lagagransasso.it
 

 

 
 


::. Difficoltà: E (media difficoltà, un passaggio di I grado)
::. Dislivello +/- 1000 mt
::. Sviluppo +/- 15 Km
::. Durata complessiva 1 giornata
-> Mappa

-> Google map

-> Filmato
-> Traccia GPS
 

 
 

 

 
 


L'itinerario è uno splendido anello che dal Fosso Casale, sulle rive del lago di Campotosto, segue il Sentiero Italia e raggiungendo la cresta sud di Monte di Mezzo, la "cavalca" fino a Sella Laga per poi scendere a completare il cerchio.

Anche se valutata di media difficoltà l'escursione necessita di un discreto allenamento (sono oltre 15 km da percorrere ...) e un minimo di confidenza con la roccia. Superato Monte di Mezzo, infatti, la cresta si assottiglia e obbliga o a mettere le mani sulla roccia (passaggio di I grado), oppure ad un delicato traverso.

Molto bella la vista sul lago di Campotosto e sul gruppo del Gran Sasso.

Dal Fosso Casale (fare riferimento alla Google map) si segue inizialmente il SI (Sentiero Italia) prima su carrareccia quindi su sentiero fino a raggiungere la cresta a quota 1589 mt. Una volta in cresta si abbandona il SI, che scavalca, e siccome non c'è un sentiero da seguire, nel bosco bisogna andare a "naso" ...

Poco prima di Colle Torto si esce dal bosco (+/- 1750 mt) ed iniziando ad apprezzare la panoramica cresta si risale verso Peschio Menicone. A sinistra della cima, a 1955 mt, si trovano numerosi nomi, incisi dai pastori sui lastroni di arenaria.

Poco oltre, Colle del Vento (2010 mt) ci ha ricordato che il suo nome non è stato dato a caso ... Molto bello invece il ripido versante occidentale di Monte di Mezzo, che si apprezza poco prima di raggiungere la vetta.

Inizia la discesa e arriva la "sorpresa" ...

Man mano che si prosegue e ci si allontana dalla vetta, la cresta enorme, ampia, comoda, si riduce sempre più fino a "scoprire" un breve salto: il passaggio chiave! Primo grado se si supera direttamente, altrimenti traversare sulla sinistra facendo molta attenzione ...

Superata la fascia di rocce si prosegue agevolmente, sempre in cresta, fino a raggiungere Sella Laga (1976 mt) e la vicina sorgente Pane e Cacio. Dalla Sella il sentiero gira verso sud seguendo l'ampio anfiteatro formato dal Fosso di Prato Andolino e Costa Sola.

A quota +/- 1735 mt un punto panoramico permette di apprezzare vari salti formati dalle acque di uno dei rami che alimentano il Fosso di Prato Andolino.

Una volta raggiunto il piano si seguono tracce di sentiero (anche se il SI qualche segno in più lo meriterebbe ...!) che in breve costeggiano e poi attraversano il Rio Fucino fino a raggiungere la strada asfaltata. Durante la fioritura delle ginestre, ossia tra giugno e luglio, lo spettacolo è assicurato.

Seguendo la strada asfaltata dopo qualche km si torna alla macchina ...

NB: Abbiamo preferito effettuare l'anello in senso antiorario, anche se il tratto roccioso risulta più impegnativo, onde evitare di trovarsi in difficoltà nel ritrovamento del SI durante la discesa in cresta. Da notare che l'unico cartello trovato, relativo al Sentiero Italia, è quello fotografato all'inizio!
 

 
     top