Home
 Gran Sasso
 Le vostre foto
 Mailing list

 Come fare...

 

Le mura ciclopiche

 
     
 

Info | Come arrivare | Amatrice | Vegetazione | Geologia | Escursioni | Bibliografia

© 2003-2017
 

 

 
 

 ::. Monti della Laga | Escursioni | Colle del Vento e la Muraglia dei Paladini da Piano Vomano (863 mt)

info@lagagransasso.it
 

 

 
 


::. Difficoltà: T (facile)
::. Dislivello +/- 150 mt
::. Durata 2-3 ore
-> Mappa
-> Google map
 

 
 

 

 
 


::. Ruderi di San Martino - Colle del Vento
Sul leggero declivo al margine dell'altura sono presenti i resti dell'insediamento altomedioevale, che si estendono su una superficie di circa 35.000 mq. L'antico "vicus" è articolato su una serie di terrazzi, presenta unità insediative di varie dimensioni e tipologie.

L'origine dell'insediamento risale circa al III secolo a.C. e sono presenti dei resti databili fino al VI secolo d.C. La vita di questo "vicus" si spiega attraverso la sua posizione geografica attraversato, fin dai tempi antichi, dall'antico itinerario che collegava i "Safini" dell'Abruzzo teramano con i "Sabini" del Lazio attraverso il Passo delle Capannelle.

A nord dell'insediamento italico sono visibili i resti della piccola pieve di San Martino Campanea, di origine altomedioevale che testimonia la continuità topografica dei luoghi dedicati al culto. (Cfr. biblio 8)

Dalla Costa della Rocca fino a Piano Vomano, su una strada millenaria, "La Tornara", sono visibili siti archeologici di straordinaria importanza, quali quelli di Colle del Vento e Colle Santa Lucia, che conservano ancora sotto un manto di argilla, i resti di un villaggio neolitico di oltre quattromila anni fa...

Sulla parte più alta (Colle del Vento) sono visibili copiosi resti di un tempio romano e sui due lati i ruderi di due muraglie da terrazzamento realizzate con grandi blocchi di arenaria. La muraglia meglio conservata, quella esposta ad ovest, si estende per ventidue metri ed è alta quattro metri; presenta due crolli laterali di cui uno recentissimo, ha la parete molto inclinata verso l'esterno e necessita di restauro e di consolidamento. (Cfr. biblio 6)

Dopo aver letto queste poche righe, il desiderio di curiosare in zone a noi sconosciute ci ha spinto a fare una escursione che si è rivelata ricca di piacevoli sorprese.

La maestosa Quercia Mazzocca, i ruderi di San Martino e le mura ciclopiche di Colle del Vento oltre alla panoramicissima chiesetta della Madonna della Tibia rappresentano come scrive il Sindaco del Comune di Crognaleto Pietro Ceci:" Tutte cose belle ed interessanti, a molti forse sconosciute, che noi cortesemente offriamo al gusto dei visitatori, che ci auguriamo in futuro ci onoreranno in gran numero della loro presenza."
 

 
     top