Home
 Laga
 Le vostre foto
 Mailing list

 Come fare...

 

La vetta occidentale del Corno Grande da Campo Pericoli

 
     
 

Info | Come arrivare | Vegetazione | Rifugi | Escursioni | Bibliografia

© 2003-2017
 

 

 
 

 ::. Gran Sasso | Escursioni | Corno Grande - V. Occidentale (2912 mt) da Campo Imperatore

info@lagagransasso.it
 

 

 
 


::. Difficoltà: EE (difficile)
::.
Dislivello +/- 1000 mt
::.
Sviluppo +/- 11,5 km
::.
Durata complessiva 1/2 giornata
-> OpenStreetMap
-> Traccia GPS

 

 

 

 
 


Salire sulla Vetta Occidentale del Corno Grande, la più alta del gruppo, è un'esperienza unica perché rappresenta il "tetto" del mondo... appenninico. La via Normale è la più facile per l'ascesa ed offre una vista eccezionale su tutto il gruppo.

Dal piazzale di Campo Imperatore (2130 mt), dove si parcheggia, si passa a sinistra dell'Osservatorio e si inizia a salire seguendo l'evidente sentiero. Dopo alcuni tornanti si devia a destra traversando i pendii di Monte Portella fino a raggiungere la Sella di Monte Aquila (2335 mt).

Dalla Sella si scende leggermente si tralascia il sentiero verso destra, che risale verso Monte Aquila-Sella di Corno Grande, e si traversa tutta la conca di Campo Pericoli. Arrivati alla base del versante sud del Corno Grande si risale, obliquando a sinistra, il ripido sentiero su ghiaie fino alla Sella del Brecciaio (2506 mt).

Si oltrepassa il sentiero della via Ferrata Brizio e si risale per tornanti fino all'ampia Conca degli Invalidi. Segue un breve tratto pianeggiante e dopo aver lasciato a destra la traccia per la cresta ovest si continua a salire fino ad un altro bivio.

Si abbandona il sentiero che prosegue verso il Passo del Cannone e si risale, a destra, zigzagando per il ripido sentiero di rocce e ghiaie sino a raggiungere la cresta nord più o meno dove questa si unisce alla cresta ovest.

Quindi con breve percorso di cresta in vetta. Splendido il colpo d'occhio sul ghiacciaio del Calderone e le vicine pareti del Corno Grande.

Variante di salita per la Cresta Ovest

::. Difficoltà: AF (alpinistica facile con passaggi di I grado, qualche tratto esposto)

Più interessante rispetto alla via Normale. Dalla Conca degli Invalidi (2615 mt) parte una deviazione (segnata) che raggiunto il filo di cresta lo segue fino al congiungimento con la cresta nord (via Normale) ed in breve in vetta.
 

     top