Home
 Laga
 Le vostre foto
 Mailing list

 Come fare...

 

 Il Monte Corno da un disegno di D. Eugenio Michitelli

 
 

 

 
 

Info | Come arrivare | Vegetazione | Rifugi | Escursioni | Bibliografia

© 2003-2017
 

 

 
 

 ::. Gran Sasso | Orazio Delfico

info@lagagransasso.it
 

 

 
 


-> Una salita al Gran Sasso d'Italia nel 1794

 

   
 


"Nato nel 1769, ... si era formato all’Università di Pavia, alla scuola di insegnanti di prestigio quali il Volta e lo Spallanzani.

Il campo d’indagine di Orazio Delfico sul Gran Sasso non riguardò solo la fisica dell’atmosfera, ma anche la fauna, la geologia e la mineralogia. Segnalò difatti la presenza sul Gran Sasso dell’orso, del camoscio e del lupo; prospettò soluzioni per la gestione del patrimonio forestale e andò alla ricerca di giacimenti di carbon fossile. Ma soprattutto formulò la prima ipotesi sulla tettonica e sulla stratigrafia del massiccio. Il suo nome quindi può essere degnamente accostato a due famosissimi geologi suoi contemporanei: Horace de Saussure e Dieudonné de Dolomieu." (Cfr. biblio 16)

Scopo dell'ascesa al Monte Corno da parte del Delfico era misurarne l'altezza che stabilì in 9577 piedi parigini pari a 3064 mt. Sbagliando.

"Se il resoconto della salita di Orazio è stato tramandato, lo si deve proprio a una polemica relativa a quella misurazione." Così racconta Marco Dell'Omo nel suo libro "I conquistatori del Gran Sasso" (Cfr. biblio 9).

Fu il padre di Orazio, Giovanberardino, a pubblicare a proprie spese la relazione dell'ascensione scritta dal figlio nel 1794 per una questione di principio: "Chi ha travagliato, e con periglio, per trovare una verità fisica di qualche importanza, non può vedere con piacere se un altro, dal suo tranquillo scrittojo e senza darne ragione, l'altera o la niega."
 

     top