Home
 Laga
 Le vostre foto
 Mailing list

 Come fare...

 

A destra, Monte Brancastello visto da nord

 
     
 

Info | Come arrivare | Vegetazione | Rifugi | Escursioni | Bibliografia

© 2003-2017
 

 

 
 

 ::. Gran Sasso | Escursioni | Monte Brancastello (2385 mt) dal Piano del Fiume per Cima delle Fienare

info@lagagransasso.it
 

 

 
 


::. Difficoltà: EE (difficile)
::.
Dislivello +/- 1650 mt
::.
Sviluppo +/- 14,5 km
::.
Durata complessiva 1 giornata
-> OpenStreetMap
-> Traccia GPS
 

Monte Brancastello da nord
 

 

 
 


La catena orientale, vista da nord, è una formidabile muraglia con un dislivello ragguardevole, se si aggiunge che l'itinerario segue un sentiero ripido e "inesistente" per buona parte della salita e che in discesa, nel Fosso Malepasso, i segni ci sono ma nascosti tra l'erba (escursione fatta il 28 di agosto), questo vuol dire tracciato impegnativo.

Fare molta attenzione in caso di nebbia altrimenti è facile cacciarsi nei guai.

Raggiunta Pretara (523 mt), da Isola del Gran Sasso, si continua in direzione del Lago di Pagliara. Dopo circa 3 km, subito dopo un tornante verso sinistra, si devia a destra su una sterrata e si prosegue, oltrepassando prima il Fosso Fossaceca e poi il Fosso Malepasso, fino ad arrivare al Piano del Fiume (850 mt, area attrezzata, fonte).

Parcheggiata l'auto si segue il sentiero 4V, direzione ovest, fino a raggiungere la carrareccia che da San Pietro risale verso la Macchia omonima, (attenzione, itinerario su mappa sbagliata!!) seguendo quest'ultima fin dove termina (+/- 1415 mt, stazzo).

Poco oltre si esce dal bosco e abbandonato il sentiero, che prosegue verso il Vallone, si guadagna liberamente e non senza fatica la cresta. Si supera Cima delle Fienare (1985 mt) e mantenendosi a sinistra, della verticale di salita, si raggiunge quota 2300 mt. La cresta si adagia e con gli ultimi 100 mt di dislivello si guadagna la cima.

Il Paretone, sempre visibile dopo l'uscita del bosco, fa bella mostra di sé assieme alla vista sul versante sud di Campo Imperatore e al tratto più impegnativo del sentiero del Centenario.

Per la discesa si segue la cresta verso il Vado di Piaverano (2327 mt), qui parte la traccia verso nord che, costeggiando (da lontano) il Cimone di Santa Colomba, raggiunge prima l'eremo (1234 mt) e poi il Piano del Fiume.
 

 
     top