Home
 Laga
 Le vostre foto
 Mailing list

 Come fare...

 

L'Acerone del Gran Sasso

 
     
 

Info | Come arrivare | Vegetazione | Rifugi | Escursioni | Bibliografia

© 2003-2017
 

 

 
 

 ::. Gran Sasso | Escursioni | L'Acerone dal Vado di Corno

info@lagagransasso.it
 

 

 
 


::. Difficoltà: E (media difficoltà)
::.
Dislivello +/- 800 mt
::.
Durata complessiva 1/2 giornata
::.
Coordinate: N 42°27'38.44, E 13°36'22.47
-> Mappa
-> Google map
-> Filmato
 

 
 

 

 
 


La faggeta

"La grande fascia di bosco è costituita essenzialmente da faggete, per la maggior parte governate ad alto fusto. Nelle aree meno accessibili si sono conservati boschi maturi con alberi dalle grandi dimensioni. Alcuni mostrano il tipico portamento a "candelabro", conseguenza delle capitozzature effettuate in passato per ottenere frasche per il bestiame, come quelli che si rinvengono lungo il sentiero che porta alla chiesa alpestre di San Nicola.

Le faggete di quest'area presentano alcuni aspetti interessanti connessi alla presenza dell'asaro (Asarum europaeum), specie non comune in Appennino. Generalmente, questi boschi si caratterizzano come ambienti forestali piuttosto poveri di specie del sottobosco poiché la luce riesce difficilmente a penetrare la fitta chioma degli alberi.

Nelle zone rocciose, al faggio si sostituiscono tassi, tigli e aceri. Tra questi merita una menzione particolare il famoso Acerone, un acero (Acer pseudoplatanus) dalle dimensioni colossali e totalmente cavo all'interno che veglia sulla montagna di Isola.

Le aree forestali meglio conservate risultano quelle più ricche di fauna. In particolare la Rosalia alpina, un insetto molto raro e dalla vivace livrea legato ai grandi faggi marcescenti, inoltre diverse specie di uccelli forestali come la balia dal collare o il pigliamosche. Sui grandi faggi nidifica l'astore, un potente rapace legato proprio alle grandi estensioni boschive ben conservate e selvagge". (Info Parco)

Arrivati a Campo Imperatore da Assergi o ... si segue il lungo rettifilo che porta all'Albergo. Giunti in prossimità della prima curva a sinistra (+/- a quota 1800 mt) si parcheggia. Da qui parte la comoda carrareccia che, a destra, rapidamente conduce al Vado di Corno (1924 mt).

Superato il Vado si tralascia la carrareccia, che continua verso sinistra, e si seguono i segni in direzione di Casale San Nicola che scendono a destra. Ad una selletta, a quota 1673 mt, si oltrepassa la deviazione che raggiunge il rifugio D'Arcangelo e si continua a scendere a zig-zag immersi nel bosco.

Intorno ai 1380 mt di quota il sentiero esce fuori dal bosco. Si continua quindi fino alla prima svolta a destra e quando si arriva alla successiva, a sinistra (+/- 1312 mt sulla mappa CAI), lì inizia il sentierino che conduce all'Acerone.

Inizialmente è poco invitante, superato un fosso però s'incontrano degli ometti di pietre seguendo i quali, in leggera salita, si arriva ad un bivio (+/- 1337 mt, frecce bianche). Si continua a dx, su sentiero che diventa ripido, fino a localizzare l'Acerone (Acer Pseudoplatanus):

- 8 mt di circonferenza
- 35 mt di altezza
- la cavità può contenere 5-6 persone

Un vero gigante della Natura!

NB: il libro "Gran Sasso - Le più belle escursioni" (cfr. biblio 1) riporta a pag. 126 quota 1214 mt. Questa non è corretta e rappresenta una delle rare inesattezze del libro...
 

 
     top